All’udienza destinata solo a decidere sull’istanza ex art. 444 c.p.p. il danneggiato non può costituirsi parte civile e l’imputato non può essere condannato alle spese

Nel caso di udienza destinata solo alla decisione sulla richiesta di applicazione della pena, al danneggiato è preclusa la costituzione di parte civile poiché la costituzione è insuscettibile di trovare sbocco nella condanna dell’imputato al risarcimento del danno.

Questo è quanto stabilito dalla Cassazione Penale con la sentenza n. 8227/2022: ciò che rileva è se al momento della costituzione, la partecipazione della parte civile sia funzionale alla tutela degli interessi di natura civile, fatti valere attraverso l’esercizio dell’azione civile nella sede penale: laddove la parte civile conosca, al momento della sua costituzione, che questa è inidonea a produrre il risultato della condanna al risarcimento del danno a carico dell’imputato, deve escludersi la condanna al pagamento delle spese processuali, non potendo questa trovare giustificazioni, a prescindere dalla circostanza che la parte civile si sia costituita e che l’imputato abbia o meno sollevato eccezioni sulla ritualità della costituzione.

In forza di tali argomentazioni la Corte ha annullato senza rinvio l’impugnata sentenza limitatamente alla condanna dell’imputato alla rifusione delle spese di costituzione di parte civile.

Fonte “Altalex.com” del 22/03/2022