Il carattere abusivo di una clausola ignorata dal consumatore apre alla restituzione senza prescrizione della cifra pagata in base a essa

La Corte Ue, con le sentenze sulla causa C-609/19 e sulle cause riunite da C-776/19 a C-782/19, afferma che i mutui concessi in valuta estera obbligano la banca a dare uno specifico avviso al cliente non tanto del generico rischio di cambio, ma soprattutto del contesto economico prevedibile che può influenzare un simile rischio.

In caso di inadempimento della banca si tratta di clausola abusiva ignorata dal cliente che determina il diritto non soggetto a prescrizione di vedersi restituire quanto pagato in base a tale clausola.

Fonte Norme e Tributi Plus Diritto de “Il Sole 24 Ore” del 10/06/2021